Archivio mensile:agosto 2014

Guida al cinema di fantascienza – recensione di Guido Vitiello

Guido Vitiello

Pile di libri che generano pile di film

Roberto Chiavini, Gian Filippo Pizzo, Michele Tetro, Guida al cinema di fantascienza (Odoya 2014)
Ai tempi dei poemi cavallereschi, chi avesse da dire qualcosa su una saga avventurosa e sui suoi eroi non scriveva un saggio: piuttosto, ne raccontava una nuova versione. Riscrivere era al tempo stesso una prosecuzione, un omaggio, una critica e un commento. Accade grosso modo lo stesso con il cinema di fantascienza, in cui la cosa migliore che si può trovare su un film raramente è uno studio critico, spesso è un suo rifacimento più o meno esplicito. Per esempio, Inception (C. Nolan, 2010) diventa molto più interessante se lo vediamo alla luce di Dreamscape (J. Ruben, 1984); e Strange Days (K. Bigelow, 1995) ci appare perfino un po’ rétro se lo consideriamo come una variazione sul tema del magnifico Brainstorm (D. Trumbull, 1983). Per raccapezzarsi in questa rete complessa di rapporti di parentela è prima di tutto necessaria una guida, meglio se molto enciclopedica. Questa di Chiavini, Pizzo e Tetro lo è a sufficienza, anche se gli autori sono un po’ troppo critici su quel che è accaduto nella fantascienza dal Muro di Berlino in poi.

da: internazionale.it

Condividi